• GruppoHito

QUANTO IL CONTESTO INFLUENZA LA NOSTRA AGGRESSIVITÀ: BANDURA

Oggi vorrei introdurre come argomento l'aggressività. Lo vorrei fare parlando di una teoria, ancora estremamente attuale, e che può essere fonte di riflessioni. Infatti sono estremamente convinta che la cultura possa aiutare l'uomo ad agire per sè, e per gli altri in modo migliore, partendo proprio dalla conoscenza di certi fenomeni. Tra gli anni 60-70 del secolo scorso, Bandura, condusse una serie di ricerche e teorizzazioni che interessavano lo sviluppo Morale e quindi l'acquisizione di

condotte e comportamenti, quale l'aggressività.



Per aggressività si intende un insieme di comportamenti volti a ledere l'integrità propria e altrui, sia tramite l'utilizzo di atti violenti, che possono sfociare in vere e proprie colluttazioni, o verbali e psicologici, che si basano sull'utilizzo di offese, ingiurie, turpiloquio, dirette ad una vittima. Esistono diversi tipi di aggressività, auto diretta, ovvero diretta verso se stessi, di cui il culmine è rappresentato dal suicidio; eterodiretta, quindi diretta verso il mondo esterno e gli altri, si pensi al fenomeno del bullismo, del mobbing o allo stalker; diretta, attuata personalmente contro la vittima; indiretta mediata da altro, come per esempio i mezzi tecnologici, si pensi agli haters.; attiva, compiuta attraverso un gesto dannoso, o passiva, che implica l'astenersi nel compiere un atto,

come il rifiutarsi di parlare con la vittima, o di non aiutarla nel momento di una richiesta esplicita di aiuto. Tra queste distinzioni potremo far rientrare anche quella psicologica, ovvero subdola, volta a ledere la salute mentale e l'integrità psichica della vittima.


L'aggressività è una reazione alla frustrazione che tende ad attaccare l'elemento che ne è causa.


Il decennio tra gli anni 60-70, hanno rappresentato anni fiorenti, per quanto riguarda le ricerche sullo sviluppo e acquisizione della capacità nell'uomo di saper distinguere tra il bene e il male, tra ciò che è giusto e sbagliato. Tra questi Bandura, con la sua teoria social-cognitivista, evidenzia come il comportamento umano e quindi anche l'aggressività, siano comportamenti

strettamente connessi al contesto e all'ambiente sociale. Lui teorizzò, tramite il determinismo triadico reciproco, che la persona, l'ambiente e il comportamento, sono interdipendenti e si influenzano a vicenda.

L'apprendimento di determinati comportamenti, come quello aggressivo, per l'autore, dipendono principalmente da tre fattori: Il modellamento, l'approvazione o disapprovazione sociale e l'intuizione.


Il modellamento



Implica l'apprendimento di condotte o comportamenti, basandosi sull'osservazione. È un meccanismo che viene attuato già dai bambini, osservando le figure genitoriali. Tuttavia, il suo apprendimento, non è così scontato, in quanto il modello per essere assimilato, deve essere osservato più volte, e incentivato da rinforzi, che ne aumento la probabilità di riprodurlo nel futuro.


L'approvazione e la disapprovazione sociale



Implica la percezione che il soggetto ha nell'appoggio o meno del contesto nel momento in cui deve prendere una decisione. Il feedback che ci deriva dal contesto esterno, le circostanze, il bisogno di sentirci parte di un tutto coeso e stabile, ci porta a prendere delle decisioni, piuttosto che altre.


In fine abbiamo l'intuizione


ovvero la capacità di prevedere, immaginandosi gli effetti, le conseguenze, di un determinato comportamento, basandosi sulle esperienze pregresse, per cui il soggetto intuisce se un determinato comportamento sia congruo o meno in quella determinata circostanza.

L'intuizione emerge con l'esperienza.

Il modellamento è stato preso in esame, tramite un esperimento, che consisteva nel sottoporre bambini in età prescolare, alla visione di determinati comportamenti nei confronti di una bambola gonfiabile, chiamata Bobo Doll. Lo sperimentatore, insieme ai suoi collaboratori, suddivise i bambini in tre gruppi sottoponendoli a diverse situazioni. Nella prima situazione, lo sperimentatore si relazionava in maniera aggressiva con Bobo-doll, in un'altra ci giocava in maniera tranquilla, e nell'ultima aveva un comportamento neutro. Quello che emerse dalla ricerca, fu che una volta posti i bambini di fronte al giocattolo, tendevano a riprodurre il comportamento che avevano osservato, compreso quello aggressivo. I soggetti tendevano a riprodurlo con più frequenza se ricevevano dei rinforzi. L'esperimento sottolinea come sia avvenuto un apprendimento per modelling, ma è anche vero, che per rimanere stabile nel tempo, necessita dell'influenza di altri fattori, come la motivazione, l'approvazione sociale e del contesto e il senso di auto-efficacia. Oltre tutto l'autore sottolinea l'importanza dell'auto-efficacia, nella scelta di compiere o meno un certo comportamento, implica infatti una valutazione realistica delle proprie competenze e capacità, prevedendone la prestazione. Per esempio, un bullo sa che avrà più efficacia nel sottomettere una persona debole, piuttosto che un soggetto al pari, o più

forte di lui.

Conclusioni

Il modello social-cognitivo di Bandura, è una teoria che stimola delle riflessioni:

- Il modellamento può entrare in gioco anche tramite i mezzi tecnologici?

- Quanto di quello che osserviamo tramite la Tv o internet, ci condiziona?

- Quanto ci influenza l'approvazione sociale tramite i social network?


C'è anche da sottolineare come tale teoria ignori le risposte biologiche e ormonali, oltre che gli aspetti genetici, ed epigenetici, che possono influenzare il comportamento di un essere umano. Si pensi all'adrenalina, il testosterone, ormoni, che se presenti in alte quantità possono dare avvio a comportamenti aggressivi.


Se avete delle riflessioni in merito a questo argomento, scriveteci pure, saremo liete di discuterne insieme.


Dott.ssa Laura Di Paoli

Post recenti

Mostra tutti

Consulenze online

Privacy
La Dott.ssa Bonaccini e la Dott.ssa Di Paoli svolgono l'attività in modo individuale e autonomo collaborando nel sito alla divulgazione di materiale informativo di carattere psicologico

©2020 di GruppoHito. Creato con Wix.com